Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Comunicato stampa: 4 sì per la legalità e la giustizia

Categoria: Politica
Pubblicato Venerdì, 03 Giugno 2011 23:09
Scritto da Super User
Visite: 1682
Нравится
COMUNICATO STAMPA
 
 
AL REFERENDUM QUATTRO SI PER UN FUTURO ALL’INSEGNA DELLA LEGALITA’ E DELLA GIUSTIZIA.
 
 
Domenica 12 e lunedì 13 giugno si svolgerà l’importantissimo referendum nel quale i cittadini italiani saranno chiamati ad esprimersi su quattro quesiti che, comunque vada questo appuntamento elettorale, segneranno definitivamente l’idea di futuro che l’Italia vuole per sé. Il Gruppo Antimafia Pio la Torre della Provincia di Rimini ritiene fondamentale il recarsi alle urne e apporre la croce sul “Si” in tutte le schede.
 
 
I cittadini riminesi che si sono sempre interessati alle nostre iniziative ci hanno sempre visto attivi sui temi della promozione di una sana cultura dell’antimafia e della lotta serrata alla criminalità organizzata. Invitando i cittadini a votare per il “Si” non ci discostiamo per nulla dalla nostra natura e dai valori che rappresentano le nostre solide basi d’azione.
 
 
L’acqua è un bene pubblico che se privatizzato può cadere nella mai sbagliate, ovvero quelle della criminalità organizzata. E non ci stiamo inventando nulla, perché in molte zone del nostro paese gli acquedotti pubblici sono controllati da mafiosi che ne fanno l’uso a loro più fruttuoso.
 
 
Stesso discorso per le centrali nucleari: se la gestione di queste o lo stoccaggio delle scorie fosse affidata a personaggi di dubbia provenienza i rischi non sarebbero certo pochi. Basti pensare a come la camorra controlla e gestisce i rifiuti. La creazione di centrali nucleari potrebbe permettere alla nascita di una nuova stagione per le ecomafie.
 
 
 Sul legittimo impedimento la questione è diversa, ma l’invito a votare “Si” va ricondotto ai valori che ci caratterizzano e che fungono da leitmotiv rispetto agli altri quesiti del referendum. La legge è uguale per tutti: per l’artigiano, l’imprenditore, il disoccupato, il clochard, il politico, la casalinga, lo studente, ecc… Essere giudicati, e giudicati bene, è sintomo di giustizia.
 
 
 I valori della legalità e della giustizia sono valori sentiti da chi possiede un’anima di destra, di sinistra, di centro o apolitica. Non è lo schierarsi con qualcuno che ci induce alla scelta dei quattro “Sì”, ma è la nostra scala valoriale che ci sprona ad impegnarci per sensibilizzare il territorio nel quale viviamo.
 
 
Per info  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Comments:

Download SocComments v1.3