Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Programmi elettorali: poca antimafia, alcune promesse. Il Centro-Sinistra.

 

 
Riprendiamo da dove avevamo lasciato. Dopo i programmi di centro-destra e movimenti indipendenti, cambiamo sponda.
Ecco a voi i programmi del centro-sinistra in tema di contrasto alla criminalità organizzata. 
 
 
Partito Democratico.
 
Il principale partito di centro-sinistra dedica alla lotta alla criminalità organizzata solamente alcune righe all'interno della sezione riguardante lo sviluppo della Democrazia. Esso è trattato solo per sommi capi e si sostanzia in tre punti, tanto condivisibili quanto vaghi: "difesa del principio di legalità"; repressione sia dell'azione criminale che dell'immensa forza economica; volontà di recidere "ogni legame o sospetto di complicità di alcuni rappresentanti politici". Ad esso si aggiunge il lodevole proposito di considerare come inderogabile "la rigorosa applicazione del codice etico approvato dalla Commissione antimafia [...] per le candidature a tutti i livelli". Sicuramente non molto per un partito che ambisce ad essere la principale forza politica della prossima legislatura. E pensare che il Partito Democratico un programma antimafia dettagliato e ben strutturato già l'aveva! Infatti non più tardi di due anni fa era stato pubblicato un documento, approvato dalla Commissione Sicurezza nell'ambito dell'Assemblea nazionale del PD, riunita a Roma il 4 e 5 febbraio 2011, nel quale l'argomento veniva sviluppato in una molteplicità di direzioni e con un buon livello di approfondimento. Peccato che esso abbia trovato così poco spazio all'interno del programma elettorale.

Sinistra Ecologia e Libertà
 
 
Anche per il partito di Vendola il principale nodo da sciogliere nell'ambito della lotta alla criminalità organizzata è quello del rapporto tra Criminalità organizzata e reclutamento del personale politico. A questo proposito il programma identifica la lotta alla mafia non solo come una semplice questione di polizia, ma "anche una rigorosa riaffermazione del senso pieno delle istituzioni e della democrazia, che non può essere separata dalla questione morale". Anche in questo caso si è visto un notevole passo indietro rispetto a quanto affermato in passato. In particolare, durante la campagna per le primarie, il segretario di SEL aveva affermato di voler fare della lotta alla mafia il marchio di fabbrica della propria proposta politica, inserendo nel proprio programma anche alcuni dei punti molto simili a quelli promossi da noi stessi (#cinquepuntiperladignità), che però non hanno trovato altrettanto spazio all'interno della campagna elettorale.


Rivoluzione Civile

Programmi elettorali: poca antimafia, alcune promesse. Il Centro-Sinistra. Più deciso, almeno nei toni, appare il partito che vede in Ingroia il proprio candidato. Esso infatti afferma di ambire "non solo il contenimento ma l’eliminazione della mafia" colpendola "nella struttura finanziaria e nelle su relazioni con gli altri poteri, a partire da quello politico". Inoltre anche Rifondazione Comunista non manca di considerare come il totale contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione e il ripristino del falso in bilancio siano azioni necessarie per liberare lo sviluppo economico. A questi scarni propositi occorre aggiungere la proposta di legge presentata da Antonio Ingroia e Franco La Torre. Essa prevederebbe l'istituzione di un Alto commissariato per l’acquisizione dei beni di provenienza criminale, il quale sarebbe composto da 90 pubblici ministeri (38 presso l'ufficio centrale e 52 presso le 26 DDA presenti sul territorio italiano) e 600 membri delle forze dell'ordine, equamente suddivisi tra poliziotti finanzieri e carabinieri, con funzione di polizia giudiziaria. I Pm dovrebbero essere chiamati in causa ogni qual volta, in una qualsiasi indagine in un qualunque luogo, gli inquirenti "sospettino che un qualunque bene mobile o immobile sia riconducibile a un mafioso, un grande evasore o un corrotto-corruttore". L'Alto commissariato poi agirebbe affinché il bene questione passi dallo stato di sequestro alla confisca definitiva con un tempo medio di 120 giorni, contro i 730 attualmente necessari. Allo stato attuale però non è possibile fare una valutazione efficace di questa proposta non essendo ancora state chiarite né le caratteristiche specifiche che questo istituto dovrebbe assumere né come esso possa contribuire a ridurre in maniera tanto drastica il tempo necessario all'operazione di confisca. Un'ulteriore fonte di perplessità è riscontrabile nella copertura finanziaria ( il costo stimato di questo istituto è di 149 milioni di euro: una cifra non elevatissima, ma comunque considerevole) poiché i documenti sinora presentati, pur ribadendo il fatto che questa cifra sia inferiore a quella utilizzata per l'acquisto di un caccia F35 (spesa non eliminabile a meno del pagamento di penali!), non specificano in maniera precisa dove questi soldi potrebbero essere recuperati.

Per quanto riguarda i partiti di centro-sinistra la situazione non appare estremamente confortante. Alla grande enfasi retorica non sempre i partiti hanno accompagnato lo sviluppo di un preciso programma politico sul tema della lotta alla criminalità organizzata o, quando l'hanno fatto, hanno preferito non inserirlo all'interno del programma elettorale. Fatto questo inusuale se si pensa alla volontà, andata perdendosi con l'evoluzione della campagna elettorale focalizzata solo sul tema delle tasse, di rendere prioritaria questa issue, drammaticamente importante per lo Stato.

Rimane la speranza che la proposta di Rivoluzione Civile, l'unica che sposta sul concreto le problematiche riguardanti la lotta alla criminalità organizzata, possa essere discussa, migliorata ed implementata dopo le elezioni con il supporto di tutte le forze politiche, in quanto darebbe il segno di un rinnovato interesse nei confronti di tale argomento del Parlamento nel suo insieme.

Filippo Urbinati
 
 

Comments:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla