Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

John Travolta non viene a Rimini: ma l'agenzia organizzatrice non è una sconosciuta...

Travolta buca l'appuntamento di RImini


A Rimini per alcuni giorni non si è parlato d'altro. John Travolta doveva venire a Rimini, i biglietti erano stati venduti, ma alla fine l'attore non si è presentato deludendo tutti coloro che avevano macinato chilometri e speso i soldi per poter conoscere l'attore statunitense. 

Di solito siamo molto restii a pubblicare le nostre mail (trasparenza sì, ma senza eccessi di violazioni di privacy è sempre stata la nostra politica), tuttavia facciamo un'eccezione.

 

L'agenzia Alabama eventi, che ha organizzato l'evento per John Travolta è una nostra vecchia conoscenza. Il Comune di Rimini ci aveva segnalato una possibile collaborazione con tale agenzia per l'organizzazione di un evento con ospite Ayala.

La collaborazione è morta sul nascere per problemi evidenti che noi avevamo riscontrato nei toni e nei modi. Non volendo entrare nel merito della questione relativa alla portata dell'ospite - un magistrato antimafia, che tuttavia da alcuni anni sembra non voler rispondere su alcuni punti scottanti riguardanti l'uccisione di Paolo Borsellino (si veda qui per approfondire) - ci limitammo a sottolineare le difficoltà nella realizzazione, per quanto riguardava eventi da noi già in programma.

Lasciammo da parte la questione denaro: preliminarmente ci era stato fornito un preventivo, che non ci convinceva per il rischio di trasformare le parole di Ayala in uno "spettacolo" per fare "business per il business", cosa contraria alla nostra filosofia, fondata sul valore del volontariato e sull'autofinanziamento.

Questi problemi sono stati segnalati al Comune che aveva fatto il nostro nome per la collaborazione con l'agenzia Alabama. La mail dell'otto ottobre 2012 lo dimostra.

La riportiamo integralmente qui sotto insieme ad un link che indicava come proprio all'epoca uno spettacolo organizzato dall'agenzia a Pescara fosse stato fatto saltare. 

Non paghi lo segnalammo anche su Facebook, ma il post non riusciamo più a reperirlo

Buongiorno,

Scriviamo la presente per comunicarvi che purtroppo il rapporto con l'agenzia Alabama Eventi non è andato a buon fine.

Per quanto ci riguarda, noi avremmo avuto tutte le migliori intenzioni ma non ci è stato possibile nemmeno provare ad instaurare un dialogo con il signore e la signora TXXX.
Ovviamente se non ritenessimo grave la situazione nemmeno vi scriveremmo ma purtroppo, data la sostanziale disorganizzazione e la mancanza di professionalità che abbiamo riscontrato nel dialogo con loro e a seguito della lettura di un articolo che li riguardava, riteniamo che sia opportuno avvisarvi nel merito di come sono andate le cose.

Cercherò di spiegare brevemente come sono andati i nostri rapporti: dopo esser stati contattati noi abbiamo sollevato alcune perplessità sulla data e gli abbiamo consigliato di concordare assieme il cambiamento del calendario facendo slittare lo spettacolo alla primavera 2013 (ovviamente se questo fosse stato in accordo con il loro programma di spettacoli) adducendo, in assoluta buona fede, le seguenti motivazioni:
- tempi molto stretti per l'organizzazione viste le nostre esigue forze e visto lo sforzo che ci stavano richiedendo;
- concomitanza della settimana contro la violenza sulle donne e quindi difficoltà di coinvolgere le scuole;
- presenza di un evento che si sarebbe svolto di li a poco e che avremmo organizzato noi (cena della legalità del 1 Dicembre).

A seguito di questa risposta scritta ci hanno accusato testualmente di non sapere svolgere la nostra attività e di avergli imposto il cambio di data.
All'e-mail è seguita una telefonata molto spiacevole in cui ci accusavano ingiustamente senza conoscerci e criticavano la nostra intenzione di dare priorità a ciò che era stato già organizzato dal comune; a quel punto, dato che ritenevamo vitale che gli eventi legati alla settimana contro la violenza sulle donne non si accavallassero allo spettacolo, abbiamo comunicato loro che probabilmente avremmo rinunciato alla collaborazione (anche visti toni fortemente accusatori dei sig.ri TXXXX nei confronti del nostro operato).
Dopo questa nostra decisione i sedicenti organizzatori di eventi si sono stupiti che noi non facessimo solo antimafia e che considerassimo degni di nota gli eventi organizzati contro la violenza sulle donne, intimandoci di svolgere il nostro lavoro.
Visto che a noi questo modo di fare ci è parso eccessivamente supponente e abbiamo avuto il sentore che per loro il lavoro e il guadagno contano più della possibilità di mandare un messaggio a un pubblico più ampio abbiamo preferito declinare definitivamente l'invito e rinunciare alla collaborazione.

Ovviamente se i problemi fossero solo limitati a questa diatriba non avremmo nemmeno perso tempo a scrivervi, visto che è nella normalità delle cose non trovarsi concordi con la controparte quando si prendono contatti per co-organizzare un evento, ma purtroppo abbiamo trovato su internet il seguente articolo (riportato integralmente nell'allegato):
http://www.primadanoi.it/news/cronaca/528374/Salta-lo-spettacolo-di-Max-Giusti--Nuova-bufera-a-Pescara.html

Alla luce della loro scorrettezza ma soprattutto dell'articolo che abbiamo trovato e che li riguarda ci è sembrato un atto dovuto mettervi al corrente di questi fatti.

Ovviamente non sappiamo se rispetto a luglio 2012 loro si siano messi in regola ma ci sembra opportuno riportarvi tutte le informazioni che abbiamo in modo da fare valutare al comune l'eventuale collaborazione con questa Agenzia nella maniera più serena e limpida possibile, con tutti gli elementi di valutazione che potevamo fornirvi.

Saluti.

Non vogliamo accusare nessuno. Solo ci limitiamo a dire che quando certe agenzie promuovono eventi mirabolanti, chiunque all'interno del Comune di Rimini si deve rapportare con questi imprenditori dello spettacolo dovrebbe optare, sulla base di un sano scetticismo, per una ricerca preliminare su internet per farsi un'idea di massima.


Davide Vittori

Comments:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla