Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Resoconto del Weekend della Legalità

Finalmente arriva il giorno che aspettiamo dall'anno scorso, fin dai campi di lavoro di questa estate a Corleone e Canicattì e già dall'inizio di questo autunno, il più intenso ed impegnativo che abbiamo mai passato.
 
Con la Cena della Legalità termina una serie di incontri su tutto il territorio della provincia di Rimini, da Santarcangelo fino a Misano Adriatico, passando per Piazza Cavour, iniziative mediante le quali abbiamo posto al centro del dibattito il tema della legalità e dell'anti-mafia sociale, partendo dalla nostra esperienza nel progetto dei campi di lavoro sui terreni confiscati in Sicilia. 
 
In particolare ci siamo interessati - e ci dedicheremo in futuro - alla questione delle infiltrazioni mafiose in Emilia-Romagna, fenomeno di primaria importanza che nelle nostre zone ed in tutto il Settentrione ha assunto caratteri impossibili da sottovalutare o minimizzare.
 
Tornando a quest'ultimo weekend, con l'arrivo di Calogero Parisi(presidente della Cooperativa Lavoro e non solo) e Mario Maniscalco(vice-presidente) abbiamo organizzato tre diversi momenti di incontro.
 
Venerdì 26, all'interno di una serie di incontri organizzati dalla sezione Pd di Villaggio Argentina (Misano Adriatico) e incentrati su vari temi, tra questi quello della legalità, assieme a Calogero siamo stati a portare testimonianza dell'esperienza della Cooperativa, dei campi di lavoro e delle nostre attività nel riminese. Serata interessante per l'interesse e gli spunti di riflessione venuti fuori, ma soprattutto il proposito annunciato dal Circolo di dedicarsi al progetto "Adotta una vite".
 
 
 
 
L'indomani, Sabato 27, il G.A.P. si è letteralmente fatto in tre: chi portando il banchetto con i prodotti assieme ai gruppi di acquisto solidali, chi preparando la sala e la cucina per la cena, chi all'istituto superiore Valturio per parlare dell'esperienza della Cooperativa. Vorremmo sottolineare l'importanza di quest'ultimo appuntamento, richiesto fortemente dai rappresentanti degli studenti, per evidenziare che temi come quelli dell'antimafia e della legalità non possono essere ignoranti dalla didattica scolastica, la quale ha come fondamentale compito quello di formare cittadini e persone consapevoli e con spirito critico prima che studenti. Non si può concepire un percorso di studi che eviti volontariamente di trattare argomenti chiave della parte buona della Storia del nostro Paese come il movimento anti-mafia, il riutilizzo sociale dei beni confiscati e il volontariato sui terreni appartenuti alla criminalità organizzata.
 
 
 
 
 
Non c'è molto tempo per fiatare, la sera è vicina e c'è ancora molto da fare: chi prepara in cucina, chi apparecchia, chi prepara il banchetto, chi il palco, chi tutto il resto. Mano a mano iniziano ad arrivare volontari dei diversi campi di lavoro, amici e tutti coloro che hanno prenotato per la cena: più di 170 persone per una sala riempita all'inverosimile. Da buoni romagnoli gli addetti alla cucina hanno deciso anche quest'anno di dimostrare che in Romagna si mangia molto e bene. Così é: antipasti, pasta, piada, carne, gratinati e verdure accompagnano gli interventi degli ospiti tra una portata e l'altra. Dopo una breve presentazione del Gruppo Antimafia Pio La Torre (con tanto di elenco in pieno stile Vieni via con me, canzone di Paolo Conte compresa) e l'ennesima ma sempre gradita testimonianza di Calogero, tocca a Maurizio Torrealta - giornalista Rai autore de La Trattativa - portare avanti e concludere la serata. Un'ora di approfondimenti, retroscena e domande del pubblico rendono il saluto ad una cena della quale anche quest'anno possiamo ritenerci soddisfatti per partecipazione ed entusiasmo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ora ci avvicineremo all'inverno con il Tour della Legalità vero e proprio, assieme ai Folli Folletti Folk. Contemporaneamente invitiamo a prenotare e ritirare il proprio cesto natalizio di prodotti provenienti dai campi confiscati: sarà possibile prenotarli alla mail del G.A.P., telefonicamente al numero indicato oppure acquistabili direttamente il Sabato mattina alla sede dei gruppi di acquisto solidali (GAS) in Via della Lontra.
 
 
 
 
Siamo pienamente consapevoli che il lavoro ancora da fare sia molto e la strada in salita, tuttavia speriamo che la serata - sostegno economico alla cooperativa a parte - possa essere di stimolo ed un punto di partenza per tutti coloro, giovani e meno giovani, che credono in un progetto simile e all'idea che al giorno d'oggi non si possa evitar di parlar di mafie e della loro presenza a Rimini e dintorni. Non è nè una nostra invenzione nè una novità che riciclaggio di denaro sporco e infiltrazioni nelle amministrazioni tramite concessioni ed appalti pubblici siano fatti all'ordine del giorno e non certo da ieri nella nostra regione. Auspichiamo pertanto un'attenzione specifica alle tematiche e la stessa intensità di partecipazione alle nostre attività futuro. Per questo motivo non crediamo che l'anti-mafia debba essere un'esclusiva o affare di pochi. Tutt'altro: nessuno ha il diritto di arrogarsi questo genere di primato perché la legalità appartiene a tutti.  Ci opporremo senza eccezioni a chi - acriticamente ed estraneo alla realtà -  dell'antimafia vuole farne un fatto di mero prestigio ed etichetta, oltre che una questione elitaria e selettiva e quindi contrario ai nostri principi. A testimoniar invece l'invito alla partecipazione è semplicemente l'impegno di ognuno di noi del Gruppo Antimafia Pio La Torre ma non solo: è un ringraziamento a coloro che formalmente non ne fanno parte ma si sono spesi al massimo per la buona riuscita della serata, partendo dall'aiuto in cucina per terminare con il più singolare appoggio organizzativo e logistico. Il nostro grazie va in primis alla Cooperativa "Lavoro e non solo" e immediatamente dopo a queste persone: grazie di cuore.
 
Un abbraccio
 
Gruppo AntiMafia Pio La Torre
 
 
 

Comments:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla