Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Venerdì 21 Gennaio: Legalità sociale a Rimini

 





L'evoluzione della storia del Welfare italiano e la recente crisi economica, hanno portato i governi ad investire sempre meno nell'ambito del sociale lasciando occupare questo vuoto dal Terzo Settore. Tramite il principio di sussidiarietà introdotto dalla legge 328/2000, associazioni, cooperative, fondazioni e volontariato hanno messo in campo sempre più forze diventando soggetti primi di uno sviluppo sociale. A questo slancio, nel corso degli anni, non è stato altrettanto corrisposto un parallelo investimento di risorse che la crisi economica del 2008 ha messo ulteriormente in evidenza. Ne costatiamo che oggi le varie realtà del terzo settore faticano nel garantire quel benessere sociale che la popolazione di uno Stato richiede. Come è quindi possibile rilanciare e reinventare un intervento che punti al bene comune?

Una delle possibili strade da percorrere la possiamo trovare nella riconversione di beni e fondi derivanti da una parte di società ed economia illegale in risorse utili per un fine sociale. L'esempio di questo movimento è già iniziato con l'impegno e l'intelligenza di svariati soggetti del Terzo Settore nel dare concreta applicazione alla Legge 109 del 1996. La legge, frutto del grande sforzo di “Libera”, è relativa all’utilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata e ha rappresentato un vero e proprio spartiacque nell’ambito delle azioni positive contro le mafie e a favore di un riscatto socio-economico dei territori. 



La presenza di questi beni è sicuramente più massiccia nei territori del sud d'Italia come Sicilia, Campania e Calabria, ma se usciamo dall'illusione che le mafie siano solo un problema di alcuni territori, possiamo scoprire che anche le regioni del nord Italia vivono questa ingombrante presenza. In testa troviamo la regione Lombardia che al 31 dicembre del 2009 presentava 665 immobili e 165 aziende confiscate, ma non bisogna tralasciare nemmeno le altre regioni. Avvicinandosi al territorio Emiliano-Romagnolo troviamo 81 beni immobilie 23 aziende, di cui rispettivamente 51 e 4 nella sola Romagna.

8/1 Aperitivo Antimafia a Santarcangelo di Romagna

 
 
 
 
Dalle ore 18.00 Aperitivo con i prodotti provenienti dai terreni confiscati alla mafia e ora gestiti dalla Cooperativa Lavoro e non solo tra Corleone, Canicattì e Monreale.
 
Letture di brani legati all'anti-mafia

Antimafia ed informazione: raccontare per Resistere



Venerdì 7 Gennaio
Ore 18.30

FESTA DELLA SOLIDARIETA'
http://www.comunicazionedemocratica.it/comunicazionedemocratica/?p=985
Viserbella di Rimini

Il Gruppo AntiMafia Pio La Torre presenta:

Antimafia ed Informazione:

Raccontare per Resistere


ne parleremo con:

Gaetano Alessi: giornalista di Articolo21 e AdEst, vincitore della sezione giovani del premio nazionale per il giornalismo "Giuseppe Fava"