Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Emilia Romagna



Questa ad oggi è la situazione in Emilia Romagna: c'è ancora tanto da fare per arrivare alla gestione di tutti i beni confiscati nel nostro territorio. E il numero cresce di anno in anno. 


Bologna e Forlì/Cesena sono le province in cui la presenza è più massiccia, con rispettivamente 40 e 28 beni. Seguono via via tutte le altre. Non inganni, tuttavia, l'esiguità dei numeri in alcune province (come Modena, Reggio Emilia e Rimini). Si tratta di zone dove la presenza criminale è fortissima (e probabilmente maggiormente radicata che altrove), tanto che è da prevedere che nei prossimi anni le cifre saranno destinate a salire irrimediabilmente.



Vi terremo costantemente aggiornati sugli sviluppi futuri. Per approfondimenti relativi ai vari beni, vi rimandiamo agli articoli che verranno pubblicati di volta in volta sulla questione (e che troverete in questa sezione) e soprattutto, al nostro dossier sui beni confiscati in provincia di Rimini, il quale fornisce anche una panoramica aggiornata su Emilia Romagna, in generale, e Romagna, più nello specifico.


Intanto qui sotto troverete i dati più aggiornati presenti nel sito internet della Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC).



Beni confiscati Emilia Romagna



Comments:

Joomla templates by a4joomla