Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

I Cento passi della Giustizia verso il 21 marzo


I cento passi della giustizia verso il 21 marzo

 

Siamo finalmente lieti di presentare un evento che come Associazione abbiamo contribuito a realizzare, con il massimo impegno.

 

I CENTO PASSI DELLA GIUSTIZIA VERSO IL 21 MARZO.

sabato 21 febbraio ore 8.30


*evento rivolto agli studenti delle scuole superiori della provincia di Rimini

 

L’evento ha lo scopo di accrescere la consapevolezza nei ragazzi sui temi della legalità e della giustizia e in particolare sul fenomeno mafioso e sulla presenza della criminalità organizzata anche nel territorio in cui vivono, proponendo al contempo spunti di riflessione - grazie agli esempi di coloro che da tempo affrontano, studiano e combattono la criminalità organizzata - e anche proposte di impegno concreto.

In concreto, la giornata vedrà la partecipazione di sei classi delle scuole superiori della città e si articolerà attraverso un ciclo di tre workshop, intitolati “La Testimonianza”, “L’Impegno” e “La Consapevolezza”, a cui i ragazzi parteciperanno avvicendandosi nelle tre aule dove essi si tengono.

Nel primo workshop, “la testimonianza” sarà quella di Giuseppe Giordano, ex Ispettore della Direzione Investigativa Antimafia (DIA), che ha operato in Sicilia ed ha collaborato con i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
Nel secondo si parlerà de “l’impegno” delle associazioni e dei singoli partecipanti nell’utilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, con il racconto dei giovani riminesi che hanno partecipato in questi anni ai campi di lavoro e le informazioni fornite dalla prof. Stefania Pellegrini, docente della facoltà di giurisprudenza di Bologna e direttore del master di II livello in “Gestione e riutilizzo di beni e aziende confiscate”, sulle misure del sequestro e della confisca dei beni.
Il terzo workshop cercherà di aumentare “la Consapevolezza” dei giovani partecipanti, attraverso la descrizione della presenza del fenomeno mafioso a Rimini e in Emilia Romagna fornita dall’Osservatorio provinciale sulla criminalità organizzata e dal Coordinamento antimafia di Rimini.

 

PROGRAMMA

 

Ore 8.30 (Aula Q “Falcone e Borsellino”) - Saluti istituzionali

Dalle ore 9.00

1) Workshop – La TESTIMONIANZA. Con GIUSEPPE GIORDANO. Il racconto di chi ha combattuto in prima linea Cosa Nostra, tra gli anni delle stragi e il lavoro del pool antimafia di Palermo. Con la presenza del Presidente del Tribunale di Rimini Rossella Talia. Coordina Valeria Grimaldi (Ass. DieciVenticinque)

2) Workshop – L’impegno. Con STEFANIA PELLEGRINI, docente della facoltà di giurisprudenza di Bologna dei corsi "Mafie e antimafia" e "Sociologia del diritto", direttore del master di II livello in "Gestione e riutilizzo dei beni e delle aziende confiscate". Coordina Libera Rimini. Testimonianze e presentazione dei campi di lavoro sui terreni confiscati alle mafie, l’importanza dell’impegno quotidiano e della formazione.

3) Workshop – La consapevolezza. LE MAFIE IN EMILIA - ROMAGNA. Coordina l’Osservatorio provinciale sulla criminalità organizzata e Coordinamento antimafia di Rimini. Droga, gioco d’azzardo e riciclaggio: come si presentano le mafie nel 2015, in Emilia-Romagna.

A metà mattinata, la “merenda” sarà costituita, fra l’altro, da prodotti – biscotti, taralli, succhi di frutta – provenienti dai terreni confiscati alla criminalità organizzata.

Promosso da:
Tribunale di Rimini, Associazione Nazionale Magistrati (sottosezione di Rimini), Consulta degli Studenti, Ufficio scolastico territoriale di Rimini, Ordine degli avvocati di Rimini, Osservatorio provinciale di Rimini sulla criminalità organizzata, Libera Rimini, Coordinamento antimafia riminese.

 

 

 

Comments:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla