Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo

Comunicato stampa: invito al monitoraggio del territorio riminese

Categoria: Rimini
Pubblicato Sabato, 04 Dicembre 2010 23:42
Scritto da Super User
Visite: 1817
Нравится
  
Rimini 
 
 
COMUNICATO STAMPA
 
“MONITORARE IL TERRITORIO RIMINESE PER CONTRASTARE L’AVANZATE DELLE CRIMINALITA’ ORGANIZZATE”. L’IDEA DEL GRUPPO ANTIMAFIA PIO LA TORRE DELLA PROVINCIA DI RIMINI
 
Il quadro che emerge dalla relazione della Direzione Investigativa Antimafia del primo semestre 2010 è preoccupante sia  per Rimini, sia per l'Emilia-Romagna, dove i  Casalesi,  le mafie albanesi e nordafricane stanno investendo ingenti capitali, ricorrendo anche all'uso sistematico della violenza. 
 
L'estensione del fenomeno del racket e dell'usura nel nostro territorio è particolarmente rischioso, in quanto da queste attività si accumulano capitali illeciti immessi poi nell'economia legale del mercato riminese, creando una concorrenza sleale nei confronti delle imprese, già costrette a sforzi ingenti dopo la crisi economica globale in generale e del settore immobiliare in particolare, motore della crescita nelle nostre terre.
 
"Il dato preoccupante che emerge chiaramente dalla relazione della DIA è che tre delle quattro principali organizzazioni criminali sono presenti nel territorio riminese – afferma Davide Vittori del Gruppo Antimafia Pio La Torre -  Non si tratta semplicemente di spaccio di droga, ma di attività economiche ramificate unite all'estorsione e all'usura in particolar modo della cosca Vrenna di Crotone e di quella Pompeo di Isola Capo Rizzuto." 
 
Le idee per contrastare l’avanzata delle criminalità organizzate non mancano, ma serve l’aiuto di tutti. L'associazione NoName di Bologna, con la quale il G.A.P collabora, sta mettendo a punto un questionario per il monitoraggio del territorio in merito al fenomeno del racket e dell'usura a Bologna ed è per tale motivo che in cantiere c'è l'idea di poter fare lo stesso a Rimini, magari anche con l'aiuto delle associazioni di categoria, il cui supporto è più che mai centrale per il controllo della città.
 
 
 
 

Comments:

Download SocComments v1.3